YCMDM Snow Boots inverno Martin Stivali Donne più velluto scarpe caldo cotone impermeabile grigio beige nero Brown 39 36 35 38 40 37 , brown , 40 -pulsamulti.com

YCMDM Snow Boots inverno Martin Stivali Donne più velluto scarpe caldo cotone impermeabile grigio beige nero Brown 39 36 35 38 40 37 , brown , 40

B06XH9HHXS

YCMDM Snow Boots inverno Martin Stivali Donne più velluto scarpe caldo cotone impermeabile grigio beige nero Brown 39 36 35 38 40 37 , brown , 40

YCMDM Snow Boots inverno Martin Stivali Donne più velluto scarpe caldo cotone impermeabile grigio beige nero Brown 39 36 35 38 40 37 , brown , 40
  • materiale: gomma
  • Materiale: pelliccia artificiale
  • Boot materiale del tubo: pelle scamosciata
  • Gentile cliente, prima di procedere all'acquisto, si prega di consultare la specifica dimensione offerto da noi e il check-out se è vestito per you.The colore e le dimensioni del elemento inviato da noi sono strettamente secondo il vostro ordine.
  • scaldi la punta: a causa delle differenze nei metodi di misura, ci possono essere errori nel 2cm, si prega di considerare la dimensione della scelta! Se avete qualunque domanda circa le dimensioni, consultare il nostro personale e che vi aiuterà con esso.
YCMDM Snow Boots inverno Martin Stivali Donne più velluto scarpe caldo cotone impermeabile grigio beige nero Brown 39 36 35 38 40 37 , brown , 40 YCMDM Snow Boots inverno Martin Stivali Donne più velluto scarpe caldo cotone impermeabile grigio beige nero Brown 39 36 35 38 40 37 , brown , 40

G By Guess Hollow Pelle sintetica Stivalo
”. A confermarlo sono le motivazioni depositate dal Gup di Roma, Pierluigi Balestrieri, sulla sentenza di assoluzione nei confronti dell’ex sindaco di Roma sul ‘caso scontrini’. L’ex sindaco di Roma Ignazio Marino  era stato assolto all’inizio di ottobre dall’accusa di peculato, truffa e falso nell’ambito del processo sul caso scontrini e le consulenze della  Onlus Imagine . La procura aveva chiesto una condanna a tre anni e quattro mesi.

“La lettura delle motivazioni depositate dal Gup di Roma, Pierluigi Balestrieri, ha confermato quanto da noi sostenuto sin dall’inizio, e cioè che il professor Marino non ha mai utilizzato risorse pubbliche per finalità private, ma  semmai più volte si è verificato il contrario ”. Annunciano i legali di Ignazio Marino, Enzo Musco e Franco Moretti.

Verben LvYuan Da donnaSandaliTempo libero CasualCreepers Comoda Con cinghiaBasso ZeppaDi pelleBlu Rosa Light Blue
Foto d'archivio

L'istituto superiore "Leonardo Da Vinci" di Niscemi, in provincia di Caltanissetta, durante l'inverno aveva ridotto le attività a causa dei termosifoni rotti. Ora 1.200 studenti e circa 120 professori dovranno tornare sui banchi dal 17 al 22 luglio per recuperare

S’immaginavano già al mare, o in vacanza chissà dove. Invece 1.200 studenti e circa 120 professori dell’istituto superiore “Leonardo Da Vinci” di Niscemi, in provincia di Caltanissetta, dovranno tornare a scuola per sei giorni, dal 17 al 22 luglio. Il motivo? Devono completare il numero di ore di presenza obbligatoria dell'anno scolastico 2016-2017, dopo che lo scorso inverno l’attività era stata ridotta per il mancato funzionamento degli impianti di riscaldamento.

Colpa dei termosifoni

L’ordinanza  è stata emessa dal preside, Fernando Cannizzo, d'intesa con il consiglio d'istituto e col consiglio dei docenti, dopo il ricorso di due professori che hanno ottenuto l'arrivo di ispettori scolastici. Durante l’inverno la scuola, a causa dei termosifoni rotti e della “mancata erogazione termica”, era stata costretta a ridurre l’attività per non costringere studenti e docenti a stare per troppo tempo al freddo. “I periodi di riduzione oraria –  si legge nella circolare del preside  – sono intervenuti dal 13 al 21 dicembre 2016 e dal 19 gennaio al 15 febbraio, per un totale di 32 giorni lavorativi”. Poi, a marzo, la situazione era tornata alla normalità e si pensava che la faccenda fosse chiusa. Qualche giorno fa, invece, è arrivata l’ordinanza del direttore: dal 17 al 22 luglio, “obbligo di frequenza per gli studenti” e “ferie revocate” per i docenti.

Famiglie sorprese

La notizia, come racconta il quotidiano La Sicilia, ha colto di sorpresa centinaia di famiglie, che già stavano per partire per le vacanze o comunque avevano altri programmi per la terza settimana di luglio. Secondo alcuni esperti, mentre per i docenti che non si presenteranno la scuola potrebbe recuperare quote dello stipendio non dovuto, per gli studenti sarebbe a rischio l'esito degli scrutini di promossi e ammessi alla maturità.

SERVIZI UTILI
SEGUICI